Due giorni in montagna

Due giorni in montagna, mi servivano proprio per stimolarmi a fare un po’ di moto in mezzo alla natura. La Cy questa volta a casa :p
Sia ieri che oggi ho fatto la strada da Druogno a Coimo, tutto in piano, in mezzo al bosco, molto molto molto rilassante. Ad accompagnarmi maestro splinter 🙂

Intanto in due giorni senza internet mi è arruvata una mail in cui mi han segato ad un colloquio e un’altra azienda invece che vuole fare una “phone interview”.

Mi è dispiaciuto non aver passato il colloquio con il tizio delle risorse umane, anche perché il colloquio tecnico era stato superato e mi avevano già mandato l’offerta che mi aveva fatto venire l’acquolina in bocca. Peccato.

Il prossimo che mi dice “nel tuo settore è facile trovare lavoro” gli infilo un dito in… >.

Beh, godiamoci ‘sto the vista neve e prepariamoci per il prossimo colloquio! 🙂

Mai una gioia

Ultimamente sento e leggo in giro ‘sta frase

Mai una gioia

Sembra quasi un tormentone, demotivante, sentito per strada, visto come status di WhatssApp, addirittura come nome su facebook.

Ma di cosa? Ma chi cazzo l’ha inventata sta minchiata di mai una gioia? È demotivate.
Non solo la gente senza problemi si costruisce le sue cazzo di seghe mentali, in più si demotiva con ste puttanate.

Vasca Blitz

Leggetevi ogni giorno il credo dell’ottimista piuttosto.

Che tra l’altro state inquinando pure me con il vostro negativismo.

Prometti a te stesso:

    Di essere così forte che niente potrà turbare la tua pace mentale.
    Di parlare di salute, felicità e prosperità a tutte le persone che incontri.
    Di far sentire a tutti i tuoi amici che in loro c’è qualcosa di bello.
    Di guardare il lato luminoso di tutte le cose e di fare in modo che il tuo ottimismo diventi realtà.
    Di pensare solo al meglio, di impegnarti solo per il meglio e di aspettarti solo il meglio.
    Di essere felice del successo altrui come se fosse il tuo.
    Di dimenticare gli errori del passato e di concentrarti  sui maggiori successi del  futuro.
    Di avere sempre un’espressione felice e di donare un sorriso a ogni creatura che incontri.
    Di dedicare così tanto tempo al tuo miglioramento da non avere tempo per criticare gli altri.
    Di essere troppo grande per preoccuparti, troppo nobile per arrabbiarti, troppo forte per avere paura e troppo felice per permettere che si creino problemi.
    Di avere una buona opinione di te stesso e di proclamarlo al mondo, non a voce alta, ma attraverso grandi azioni.
    Di vivere con la fiducia che tutto il mondo è dalla tua parte, finché sei fedele al meglio che è in te.

FOSDEM 2105 & Fuoco di sant’antonio

É passato qualche giorno da che sono tornato dal FOSDEM, passato piú che altro a dormire. Ancora mi devo riprendere da ‘sta influenza. Gh.

In piú lunedí sono andato a fare un giro al Niguarda per far vedere lo sfogo sul braccio. Noztizia positiva: non é GVHD, quindi con il cortisone rimaniamo cosí. Notizia negeativa é fuoco di sant’Antonio, se piglia i nervi zon ca%%i amari. Vabbeh, si va di antivirali e bona.

Torniamo al FOSDEM, che dire, spettacolare come al solito! 😀 Anche se quest’anno non ho partecipato a molti talk ho incontrato tantissima gente che normalmente non riesco a vedere, tra chi vive in giro per il mondo e chi é subissato di impegni. Insomma, credo che per molte persone il FOSDEM sia questo, un posto dove ritrovare tanti amici che se ne sono andati in piú felici lidi! 🙂

Comunque il talk di Gippa me lo sono visto e goduto, qui trovate le slides in attesa di trovare la registrazione sul sito del fosdem.

Qui sotto qualche foto della cittá e del fosdem.