Failure is not an option

Parto da una Milano fredda e grandinante col treno e arrivo alla stazione di Tradate che fa un caldo boja. Una camminata di dieci minuti inerpicandomi sulla collina, mi dirigo alla centrale operativa Istituto Pavoni di Tradate. Obiettivo della serata: riportare il culo di James Lovell, John L. Swigert e Fred W. Haise a terra, possibilmente sani e salvi.

DSCF4621 Andrea Crespi ci fa un breefing della missione “Apollo 13“, quindi ci si siede alla plancia di comando. Il numero 13 é risaputo, porta sfiga, se poi si decide di far partire un razzo per la luna il giorno 13 alle ore 13.13 significa proprio tirarsela e meritarsela tutta la sfiga. L’ansia é al top giá nel periodo di preparazione e i livelli di stress il giorno del lancio sono giá su un buon livello. I primi momenti della missione sono giá critici, ma il disastro avviene quando scoppia il serbatoio di combustibile. Da li in poi é tutto un rincorrere il gioco, vittime degli eventi riusciamo a malapena far rientrare il problema del serbatoio quando una serie di sfighe fanno andare alla deriva il razzo irrimediabilmente.

Per fortuna che non eravamo realmente noi a guidare le sorti dell’Apollo XIII, noialtri eravamo riuniti intorno ad una plancia e dei mazzetti di carte a impersonificare gli ingegneri di Huston rivivendo quei giorni con una fantastica simulazione creata da Andrea.
Pur trattandosi di un gioco cooperativo l’ansia della missione si sente fortemente, sopratutto grazie all’uso della clessidra che entra in gioco proprio quando la situazione si fa complicata. Le illustrazioni e foto dell’epoca aggiungono un tocco interessante al gioco, sopratutto sottolineando il fatto che tutte le carte sono fatti realmente avvenuti.

La serata “Failure is not an option” é stata organizzata dalle associazioni “In Ludo Veritas” (associazione ludica di varese) e “Ex_Tra” (associazione di ex studenti delle scuole Pavoni di Tradate).
É stata una serata molto interessante, e farsi spiegare le regole del gioco direttametne dall’autore non é cosa di tutti i giorni 😉