Predazzo – Vacanze 2016

C’é da dire una cosa, in trentino sanno come coccolare i turisti. Con le tasse di soggiorno danno una tessera “trentino guest card” con accesso gratuito a musei, impianti di risalita, trasporto pubblico, oltre a sconti su una marea di attivitá. Praticamente tutti i giorni abbiamo sfruttato l’occasione! 🙂

Giorno 1 – I Cervi di Paneveggio

A Paneveggio c’é una riserva di cervi. Sono praticamente addomesticati se ne stanno tranquilli vicino alla rete. Da li ci siamo fatti una passeggiata piú su, molto tranquilla. Si arriva ad una ex malga, con pascolo e una bella vista sulle pale di San Martino. Pale, non palle!

C’é anche un ponte sospeso, ma é andata la Cy a vederlo, io me ne sono rimasto al centro accoglienza del parco. Diciamo che per essere il primo giorno io mi ero mosso abbastanza. 😛

Volendo si puó arrivare un po’ piú in alto e pranzare ai laghetti che si vedono un poco piú avanti. Ma noi ci eravamo attardati a guardare i cervi e lo stomaco brintolava.

Gita adatta a chiunque!

Powered by Wikiloc

Giorno 2 – Il Latemar e il rifugio Torre di Pisa

Il Latemar é uno dei punti piú belli delle Dolomiti. Siamo saliti con gli impianti di risalita (gratuiti) e da li é partita la passeggiata. Sui 1000 metri di Predazzo fa caldo, si sta bene in maglietta e pantaloncini. Sui 2500 metri del Latemar invece fa giá freddo a settembre. Felpa obbligatoria! Qualcuno aveva anche il giubbino, non dico necessario… peró…

La strada non é lunghissima e la pendenza si fa sentire un po’ di piú. Il giorno prima abbiamo fatto piú dislivello e piú chilometri ma alla fine non ho “penato”. Sul Latemar invece la mancanza di fiato si é fatta sentire. Non siamo arrivati fino in fondo perché l’ultimo pezzo é su roccia un po’ dissestata e non me la sentivo di farla. In piú a quel punto tirava ancora piú vento, faceva piú freddo e il rifugio era chiuso per lavori. Ci siamo fermati a mangiare in un angolino protetto dal vento.

Lo spettacolo era comunque bellissimo anche da li!

Al ritorno ci siamo fatti un giro sull’Alpine Coaster, ma prima, per scaldarsi era obbligatorio un bel grappino. 😉

Powered by Wikiloc

Giorno 3 – Il Cermis e il Lagorai

Il Cermis é un’altro impianto sciistico molto famoso, due ovovie e una seggiovia. All’arrivo dell’ovovia c’é un piccolo zoo di montagna con capre, pecore, asini, conigli. Da li si sale ai laghetti dei Bumbasei, escursione molto tranquilla. Momento relax rotto da un gruppo di ragazzi accompagnati da un educatore piú cafone di loro.

Se volete far casino, andatevene a Rimini o in quei posti li.

Vabbeh, mangiamo il nostro panino e decidiamo di andare avanti al Lagorai. La discesa verso il lago é molto sconnessa e scende veloce, impegnativo piú di testa che di gambe. Arrivati giú peró ci accorgiamo che tra noi e gli impianti di risalita c’é una montagna! Ascoltando una coppia avevo capito che c’era un sentero che portava alla seggiovia, invece si arrivava all’intermedio dell’ovovia! Siamo scesi un po’ di fretta ma gli impianti erano chiusi… e via fino in valle 😛

Fortunatamente in valle abbiamo trovato un pastore che ci ha portato fino all’arrivo della seggiovia, altrimenti saremmo arrivati all’auto col buio! 😛

Powered by Wikiloc

E poi relax!

Il giorno dopo é stato molto “relax”, pranzato a casa, siamo tornati sul Latemar a fare l’alpine coaster e a mangiarci una Sacher. Abbiamo visto anche due marmotte! 🙂

Il quinto giorno siamo invece tornati al Cermis a farci una “polentada” con l’animazione dell’albergo. Da li siamo tornati a piedi. Sta volta fino alla fine dell’Ovovia.

Last Day – MUSE Trento

Ultimo giorno, per non tornare a casa troppo riposati, ce ne siamo andati al MUSE, museo della scienza di Trento. Il museo é piú incentrato su biologia, botanica e geologia, ed é molto interessante. Abbiamo girato per 4 ore, siamo usciti stremati!

La settimana

Che dire, il posto é fantastico, al Majestic c’erano piscina, sauna, bagno turco, guida e miniclub. Molte famiglie e anzyani, peró si stava bene! A settembre di vita notturna non c’é molto, una sera siamo usciti e nella piazza centrale suonavano il liscio 😛