Migrazione di una droplet su digital ocean

Digital Ocean é un servizio veramente ben fatto che offre hosting di macchine virtuali.

Da piú di un anno ho un server CentOS su cui ho sperimentato tantissimi servizi e configurazioni, e di cui sono soddisfatissimo.

Ma la scimmietta é sempre li a grattare sulla spalla. Hanno attivato IPv6 sul datacenter di Amsterdam 3. La mia CentOS, ovviamente, é sulla Amsterdam 1!

Bene, migriamo!

Backup

Ovviamente non voglio riconfigurare tutto, quindi backup di sicurezza. Ho uno scriptino sempre pronto che faccio girare di tanto in tanto, il core dello script é piú o meno questo:

ssh alorenzi.eu "cd / ; tar -czO var/www  " > backup_var_www.tar.gz

ripetuto per tutte le directory contenenti i dati importanti (configurazioni particolari, maildir, etc)

Snapshot

Digital ocean permette di creare uno snapshot del disco e migrarlo da un datacenter all’altro. Facciamo uno snapshot del disco che useremo poi come disco per la nuova macchina.

Purtroppo non si puó fare live e impiega un po’ di tempo, vi consiglio di farlo con calma la notte, quando non avete molto traffico.

Dal menú Droplets seguiamo i seguenti passi:

Macchina -> Snapshot -> Nome dello snapshot "antani" -> Take Snapshot

Quindi spostiamoci sul menu “Images”, clicchiamo sul simbolo del pianeta e selezioniamo il datacenter preferito, AMS3.

Anche questa operazione impiega del tempo, in piú sembra che ieri ci fossero dei problemi lato Digital Ocean e ho dovuto far ripartire tre volte la migrazione prima che andasse a buon fine.

Buona notizia, la vecchia macchina puó continuare a girare senza problemi, quindi non impatta sull’uso! 🙂

Creazione di una nuova droplet

Bene, ora dovrete creare la nuova droplet esattamente come la vecchia ma selezionando il datacenter di destinazione e nella sezione “Select Image” scegliete il tab “MY IMAGES” e selezionate lo snapshot “antani”.

Ovviamente abilitate la spunta su IPv6, altrimenti la scimmia sulla spalla morde! 🙂

Ri-backup

Rifate il backup di quello che puó essere cambiato dal momento dello snapshot ad ora, il processo di migrazione da un datacenter all’altro avrá preso un po’ di tempo e, magari, qualche email vi é arrivata.

Switch!

Bene, siete arrivati al momento clou, switchamo macchina!

Accendiamo quella nuova, spegnamo quella vecchia, aggiorniamo i DNS e aspettiamo che i vostri nuovi IP fiammanti vengano propagati per tutto il mondo!

Potete monitorare lo stato di avanzamento del dns utilizzando servizi come whatsmydns, anche se il problema maggiore sono le cache DNS, quelle dobbiamo per forza aspettare che spirino per i cavoli loro.

Se volete iniziare a testare la nuova VPS potete editare il file /etc/hosts sulla vostra macchina in maniera simile a questa:

178.62.250.22 alorenzi.eu mail.alorenzi.eu www.alorenzi.eu cloud.alorenzi.eu fundraising.alorenzi.eu photo.alorenzi.eu

Codice codice codice!

Se usate questo link per iscrivervi voi vi beccate lo sconto di 10$ (che per la macchina base come la mia vuol dire due mesi di VPS gratis) e pure io mi becco un po’ di crediti quando iniziate a pagare voi.

win-win? 🙂